Home » 2011 » ottobre (Page 26)

Il ritorno degli zombie

Un commento: “A nessun ex-presidente degli USA, a nessun ex-cancelliere della Germania e a nessun ex-premier inglese verrebbe mai in mente di criticare il governo in carica del loro paese. Non lo hanno mai fatto e non lo faranno mai. Solo in Italia Prodi puo’ impunemente criticare il suo successore a Palazzo Chigi senza neanche minimamente rendersi conto che cosi’ svilisce la carica istituzionale del Presidente del Consiglio.
Continue reading

Ci mancava lui…

Anche Della Valle fa l’anticasta: “Politici, ora basta: vergognatevi” di Domenico Ferrara
Verba volant scripta manent. L’adagio latino, Diego Della Valle lo ha seguito alla perfezione. Le parole, le comparsate in tv, le conferenze stampa non bastano più. E così, per esprimere il suo malcontento, se non un vero e proprio sdegno nei confronti della classe politica tutta, l’imprenditore ha deciso di metter mano al portafoglio e acquistare una pagina intera del Corriere della Sera, della Repubblica, della Gazzetta dello Sport e del Sole24ore.…
Continue reading

Il soldato napolitano

I sospetti di Berlusconi sull’attivismo del Colle di Adalberto Signore
Roma – Che da giorni il Quirinale fosse piuttosto irritato Silvio Berlusconi lo sapeva bene. E questa volta senza che servissero i buoni uffici di Gianni Letta. Il timore del Cavaliere, però, è che l’affondo arrivato ieri da Giorgio Napolitano non sia legato solo alle recenti frizioni sulla Banca d’Italia ma sia invece il segnale di una vera e propria «discesa in campo del Colle».…
Continue reading

Riesumate il cadavere di Gianni Brera ed arrestatelo !!!

Il clima politico è ormai …

Leggi ancora | Pubblicato da Vandeaitaliana | Commenti (4) Tag: politica, comunismo, milano, anni 70, ungheria, anticomunismo, anni 60, napolitano, lombardo-veneto, giovanitristi, tocquevillani, almirante, piccole patrie, guerra di secessione, irredentismo, neo-regime, giudicocrazia, storia

                                                                 …

Continue reading

Napolitano, il Metternich del 2000

Nel 1847 il cancelliere austriaco Metternich sentenziava “L’Italia è un’espressione geografica”, ed esattamente 14 anni dopo veniva proclamato il regno d’Italia. Speriamo che il nostro caro Napisan, che infrangendo palesemente la costituzione di cui tanto si lava la bocca tuona “Il popolo padano non esiste”, risulti profetico come il diplomatico austriaco.

Continue reading