Home » 2011 » giugno (Page 5)

Milano 10 giugno 2011 – Stop dall’alto alla ciclabile sperimentale

A pochi giorni dall’insediamento la Giunta Pisapia cancella, senza nessun preavviso o chiarimento ai residenti, la lunga pista ciclabile-pedonale sperimentale mista a Nord-Est della città.Era stata create ad Aprile dalla Giunta Moratti, coll’intento di monitorarla nel tempo, e con una notifica ai cittadini residenti per raccoglierne i suggerimenti.

Blocchetti filtranti in zona pedonale nel Piazzale Governo Provvisorio?Una bella verniciata di bitume e via…

Qui al piede la lettera inviata a tutti i residenti dal precedente Assessorato, sarebbe stato interessante che l’accantonamento improvviso e deciso del progetto fosse stato accompagnato da altrettanta chiarezza.
Continue reading

La beata inconsistenza dei ragionamenti sul problema dell’acqua

Io non leggo poco, ma neanche moltissimo, quindi mi possono essere sfuggite delle considerazioni di base di cui in giro non trovo riscontro.

1) l’acqua, almeno al nord, ha sempre avuto un costo “di reperimento” molto basso per ovvie ragioni geo-climatiche, e questo ha portato a considerare antieconomico manutenzionare gli impianti di distribuzione.

Continue reading

Le vite degli altri, triste passato o agghiacciante presente?

Ho recentemente avuto l’occasione di vedere questo bel film tedesco del 2006, già vincitore dell’Academy Award come miglior film straniero. “Le Vite degli Altri”di Florian Henckel von Dommersmand è una denuncia abbastanza cruda del sistema oppressivo della STASI nella ex DDR. Georg Dryman è un noto drammaturgo organico al regime comunista.…

Continue reading

La Ue dei Cetrioli e di altre verdure killer

Imputato Cetriolo si alzi:  cos’ ha da dire a sua discolpa? Niente, ho solo una forma per così dire…minacciosa. E così siamo passati dalla ridicola Ue del diametri  dei cetrioli e delle zucchine omologati per l’uopo, alla messa sotto accusa delle povere cucurbitacee a causa del batterio letale Escherichia Coli  . L’emissario del governo spagnolo col cetriolo in mano che chiede risarcimenti ai parrucconi stolti di Bruxelles rimarrà negli annali della storia di un’Europa incapace perfino di mettersi d’accordo su cosa dar da mangiare di decente e di commestibile agli europei.…
Continue reading

Un referendum che è “aria fritta”

Nel nostro Paese i referendum hanno una sola prerogativa, quella di essere un enorme spreco di denaro e una perdita di tempo. Non andrò a votare perchè so, che tanto a nulla servirà far sentire la nostra voce.Il referendum sulla responsabilità civile dei magistrati docet, passato con l’80% dei voti a favore, è rimasto lettera morta, sia con il cdx.

Continue reading

La “nuova” Milano di Pisapia: una violenza no global al giorno

p.p1 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; line-height: 14.0px; font: 14.0px 'Times New Roman'}p.p2 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; line-height: 14.0px; font: 14.0px 'Times New Roman'; min-height: 16.0px}span.s1 {letter-spacing: 0.0px}span.s2 {text-decoration: underline ; letter-spacing: 0.0px color: #0b22a2}

Avrà anche

la faccia da carmelitano scalzo, con quel sorrisetto tanto rassicurante, ma i suoi sostenitori, sono tutt’altro che “uomini di buona volontà” e portatori di pace. 

Da quando Pisapia è diventato sindaco, i teppisti dei centri sociali si sono dati un gran da fare, la notte della vittoria hanno assediato con fumogeni e bombe carta la casa dell’ex vicesindaco De Corato, colpevole di aver considerato la sicurezza dei milanesi una priorità per l’amministrazione comunale. 

Domenica hanno addirittura violato un luogo sacro, interrompendo la messa nella chiesa di san Giuseppe Calasanzio, in via don Gnocchi.

Continue reading

Si, Si, No, No

Sono stato a lungo indeciso sul cosa fare domenica ai quattro referendum proposti. Di mio ritengo il referendum la massima forma di democrazia diretta, una forma che però in Italia è stata decisamente abusata e ridotta a mera macchietta. Escludendo il referendum sospensivo del 2006, per cui il quorum non era necessario, l’ultimo referendum a raggiungere il famigerato 50%+1 dei votanti è stato quello del 1995, principalmente legato a tematiche radio-televisive.…

Continue reading

Una città tanto bella quanto maleodorante

Il titolo non è mio, ma di una lettera pubblicata oggi nel Carlino e che di seguito trascrivo :

“Possibile che una città così bella puzzi in modo vergognoso ? Ho soggiornato tre giorni a Bologna, tre giorni di nausea. E’ normale che per andare al museo civico, bellissimo, occorra tapparsi il naso ?

Continue reading

I PRETI NON DEVONO PARLARE. Se non sono Tettamanzi e Don Gallo…

Come da anni ricordo nei miei interventi, negli anni ’70 ,tra i tanti slogan sinistri, echeggiava il triste grido: “I Fascisti non devono parlare”, urlato nelle assemblee,nelle università e nelle piazze dai tanti democratici antifascisti di professione che impazzavano. Molti di questi simpatici personaggi sono cresciuti, la maggior parte di loro si è poi integrato nel sistema che odiavano, si è sposato ed ha fatto figli.

Continue reading