Home » 2011 » febbraio

Yara e le altre

Bergamo – Un ciuffo d’erba stretto in una mano. L’ultimo gesto disperato per difendersi. E’ morta così la piccola Yara. E sono proprio quei fili d’erba stretti nel pugno della giovane a provare che ha tentato di liberarsi dal suo aggressore. Mentre probabilmente il suo assassino stava cercando di abusare di lei.

Continue reading

In memoria di Marcello

“Quando camminerete sulla terra dopo aver volato, guarderete il cielo perchè là siete stati e là vorrete tornare” (Leonardo da Vinci).

Quando scrisse QUESTO articolo, legato al quadro di Paul Gauguin, D’où venons nous / Que sommes nous / Où allons nous (Da dove veniamo – Che cosa siamo – Dove andiamo), anche Marcello, per l’acuirsi di problemi di salute che lo attanagliavano da tempo, si era trovato in quel momento critico in cui ciascuno cerca risposte a quei grandi temi insoluti della vita; sentimenti che lui aveva garbatamente e velatamente manifestato in quel post nel quale fa l’indagine introspettiva dell’animo di Paul Gauguin, che nel periodo in cui dipingeva il quadro era in preda a profonda angoscia esistenziale.…
Continue reading

ciao Maestro, amico mio

Ieri Sarcastycon è diventato tutt’uno con l’Universo e parte eterna di tutti i suoi cari e  della mia anima .

Se fino a ieri lo adoravamo, oggi gli vogliamo ancora più bene: ci ha dato tantissimo e continuerà ad essere in noi e vivrà con noi per sempre.

Marcello,questo blog rimane la fonte visibile del tuo Grande Spirito.…

Continue reading

Fermiamoli!

Bruxelles E’ ormai una corsa contro il tempo. Se da un lato sono cominciati i trasferimenti verso la Sicilia altri immigrati continuano ad approdare a Lampedusa. La situazione è in continua evoluzione ed è difficile tenere aggiornati anche i numeri.Il flusso dei disperati provenienti dalla Tunisia infatti non accenna ad esaurirsi.
Continue reading

Il Festival dell’ Unita’

Visto che stiamo celebrando l’Unita’ d’Italia, iniziamo con un quiz all’americana…Vi piacerebbe se un bel giorno vi dicessero che la sedia su cui siete seduti e il letto in cui dormite sono “patrimonio dell’umanita’”, anziche’ vostro?Vi piacerebbe se nottetempo entrassero nella vostra casa torme di individui e, oltre a non poterli cacciare, vi si obbligasse ad alloggiarli e mantenerli a vostre …

Continue reading

L’ORIGINE DEL CARNEVALE

Carnevale, festa dell’eccesso, è considerato tradizionalmente il momento privilegiato dell’anno in cui vengono abolite le regole consuetudinarie e ogni smodatezza permessa; tutti i ruoli sono capovolti e qualunque inversione accettata; è consentita ogni beffa e ogni bizzarria e ammessa qualsivoglia forma di baldoria: come dire l’avvento della sfrenatezza assoluta, durante il quale l’uomo può dare sfogo a tutti gli istinti repressi e mortificati nel resto dell’anno dalle convenzioni sociali.…
Continue reading

Hieronymus Bosch, pittore religioso

 

Delle svariate interpretazioni che hanno visto via via nella pittura di Hieronymus Bosch il prodotto d’uno stravagante inventore di mostri e chimere, il frutto di meravigliose e singolari fantasie più ripugnanti che piacevoli, il riflesso di pratiche esoteriche ispirate da movimenti eretici dediti all’alchimia e alla stregoneria o, in tempi più recenti, la raffigurazione delle forme più inquietanti partorite dalla profondità dell’inconscio, facendo quindi del grande pittore fiammingo una sorta di anacronistico adepto del Surrealismo o addirittura delle teorie psicoanalitiche di Freud, aveva già fatto giustizia, se andiamo a vedere, il sacerdote spagnolo Fray Josè de Siguença, il quale, nel 1605, affermava che se gli altri pittori effigiavano l’uomo come è eternamente, Bosch aveva avuto l’audacia di dipingerlo come è internamente; portando alla luce, bisogna aggiungere, il groviglio di male e di bene che è nell’uomo per sublimarlo in altissima poesia e realizzare una delle visioni più affascinanti della pittura europea.…

Continue reading

Una ragione in più per votare La Destra !

Niente gay nel partito. L’assessore della Regione Lazio Teodoro Buontempo assicura di non voler discriminare nessuno, ma ci tiene a “preservare” l’immagine dura e pura della Destra. “Perché iscrivendo dei gay al partito – spiega a KlausCondicio – daremmo un cattivo esempio all’immaginario collettivo, di una condivisione di valori che nel nostro dna non abbiamo”.

Continue reading