Home » 2011 » gennaio

Andromeda quinta stagione

Ho già scritto della serie “Andromeda”, prodotta da Gene Roddenberry, lo stesso creatore di Star Trek.Con il nuovo anno e dopo una serie infinite di repliche delle prime quattro stagioni, il canale satellitare Fantasy ha iniziato a programmare la quinta e ultima stagione.I protagonisti sono sempre gli stessi dal capitano Dylan Hunt alla eterea Trance Gemini, dalla virago Beka Valentine al geniale nerd Simus Harper fino al niciano Radek già nell’equipaggio della quarta stagione ed una nuova andrioide (che poi sembra sempre la stessa ma con diverso interprete).I primi episodi descrivono la vita dopo il passaggio nella porta delle Ere e la battaglia contro i Magog.I primi episodi sono decisamente poco accattivanti.Sembra che, come già abbiamo visto per Babylon 5, nella quinta stagione si fossero esaurite le idee e per sopperire alla loro mancanza si sia voluto trasformare un prodotto essenzialmente fondato sulla avventura spaziale, in un cerebrale trattato filosofico sulla vita e la morte e sulla moltepplicità degli universi.Ovviamente c’è il tempo per recuperare e far tornare a viaggiare l’Andromeda negli spazi profondi e dare corpo alla riscossa della Confederazione contro i Magog, ma l’inizio di questa quinta stagione è decisamente sotto tono e temo che la sceneggiatura non migliorerà di molto.E forse si capisce perchè la quinta è stata anche l’ultima stagione di Andromeda.

Continue reading

Il pudore della corte costituzionale

Nonostante un clima che spinge verso una completa deriva morale, la corte costituzionale ha, nuovamente, avuto il pudore di non avallare le ardite tesi di chi ha sollevato la questione di costituzionalità delle norme che non riconoscono il matrimonio se non per due persone di sesso opposto.Devo ammettere di esserne (positivamente) meravigliato e la sentenza resa nota due giorni fa, apre prospettive positive per il futuro della Famiglia che è uno dei Valori fondanti di qualsiasi società civile.La pronuncia della corte costituzionale è tanto più importante, quanto più conferma non solo la piena legittimità giuridica (su quella morale non v’è alcun dubbio) delle norme del codice civile che indicano il matrimonio come un contratto tra un uomo e una donna, ma anche l’interpretazione della stessa norma costituzionale in senso favorevole a chi sostiene la necessità di un uomo e di una donna quali parti essenziali del matrimonio.Possiamo dire che se persino una corte costituzionale solitamente troppo attenta al “politicamente corretto”, conferma l’impostazione tradizionale, allora la speranza che si esca da questo periodo di deriva limitando i danni può essere fondata.…
Continue reading

Iprocrisia continua

Per decine di anni ha osannato la bandiera rossa e l’annessione all’urss. Ed ora ci viene a parlare ipocritamente di Festa del Tricolore!!! Ma il suo subconscio l’ha tradito: si è messo una bella cravatta rossa.(mi dicono che è di cashemire che strano…)  A completamento del post pubblico  la foto della sala mentre parlava il mezzopresidente e un cosa che non faccio quasi mai inserisco, a commento, un post non mio.  …
Continue reading

QUALCHE SASSOLINO DALLA SCARPA…

In questi giorni di fine-inizio anno viene spontaneo fare, per usare un termine forse un po’ abusato ma efficace, dei “bilanci”, vale a dire soffermarsi a riflettere un po’ di più di quanto non lo si faccia ordinariamente negli altri periodi, su quello a cui ci è capitato di assistere negli ultimi tempi, e magari – qualora si ritenga di essersi tenuti dentro per troppo tempo qualche considerazione, magari un po’ “eterodossa”, e si avverta quindi il bisogno impellente di esternarla – togliersi anche, come diceva un grande Presidente emerito della Repubblica di recente scomparso, qualche “sassolino dalla scarpa”.

Continue reading

Auguri al tiranno

Al tiranno di Arcole Signor Presidente del consiglio o meglio il tiranno di Arcole come amano definirlo i suoi invidiosi avversari. Lei è un vero tiranno infatti non ha soppresso quelle testate giornalistiche che l’accusano di ogni misfatto che accade in Italia e nel mondo.  Faccia il tiranno e sopprima almeno i contributi statali alla stampa.…
Continue reading

Auguri ipocriti

Gli ipocriti e gli smemorati. Come ogni  31 dicembre, tanto per farci finire l’anno vecchio con il cenone che ci va di traverso ed iniziare l’anno nuovo con il vomito, la tv ci trasmette, a reti unificate, il discorso più ipocrita dell’anno. Quello suo, signor mezzopresidente, e come se non bastasse alla sua ipocrisia si aggiunge quella degli altri politici  in un coro bipartisan che gli tributa elogi caramellosi e falsi.…
Continue reading