Home » 2010 (Page 4)

Buon compleanno, Bradbury

Ray Bradbury compie 90 anni.Una bella età per chiunque, quindi auguri, doppi, per l’uomo e per lo scrittore.Su Ray Bradbury, autrore, tra l’altro, dei celebratissimi Farenheit 451 e Cronache Marziane, si possono trovare decine di biografie e bibliografie in rete.Mi piace dunque ricordarlo per un aspetto, forse trascurato, che troviamo nelle sue opere e che trovo confermato dalle sue dichiarazioni in occasione del compleanno.In Farenheit 451 vediamo come, una società massificata, veda nei libri uno stimolo per un “pericoloso” individualismo.In Cronache Marziane lo spirito individualista è esaltato dai partecipanti alle prime spedizioni e dai coloni.Oggi leggo che Bradbury, oltre a criticare computer e cellulari, denuncia la eccessiva presenza del governo nella vita degli Americani e dice che ci vorrebbe una rivoluzione in singolare sintonia con i Conservatori Repubblicani del Tea Party.Novanta anni, ma ancora con la voglia di sognare la Luna (“dovevamo restarci“) da cui spiccare il volo verso la “sua” Marte e poi conquistare le stelle, lontano in quello “spazio, ultima frontiera” per “esplorare strani nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita e di nuove civiltà, per arrivare dove nessuno è mai giunto prima.”.

Continue reading

Don Giuseppe Tabellini.

Don Giuseppe Tabellini era parroco di Vidiciatico, nel bolognese, un paese che il 27 settembre del 1944 venne invaso dai Tedeschi in ritirata dopo lo sfondamento della linea Gotica e dopo avere trucidato nel Borgo di Casa Berna 27 civili in risposta a un attentato partigiano. Il parroco, volendo a tutti i costi salvare la vita dei suoi paesani, iniziò a negoziare con i Tedeschi, riuscendo, dopo lunga e sofferta trattativa, a strappare loro la promessa di risparmiare la popolazione in cambio dell’impegno da parte dei partigiani di rispettare la ritirata dei militari in fuga.

Continue reading

Andromeda

No, non è un aggiornamento del post nel quale ho già trattato del mitico sceneggiato tutto Italiano anni settanta “A come Andromeda” , ma del telefilm, tutto americano, anni duemila (2000-2005).Ho scoperto di recente Andromeda che viene trasmesso su Fantasy in varie ore, anche se l’appuntamento per il mio registratore è alle 20 dal lunedì al venerdì.Non so se, in precedenza, siano stati già trasmessi tutti gli episodi che compongono le cinque stagioni del telefilm, al momento siamo a metà della terza stagione.Il creatore è quello stesso Gene Roddenberry che ha al suo attivo il colosso della fantascienza televisiva, Star Trek (che, se ho ben compreso la pubblicità in onda in questo periodo, dovrebbe vivere una nuova stagione di trasmissioni a settembre su Fox Retro).Lo zampino di Roddenberry si vede nella ambientazione (una astronave come in Star Trek) e nella caratterizzazione dei personaggi (il Capitano umano e intelligente, il mercenario grezzo ma ottima spalla …).Come in tutti i telefilm americani vengono rigorosamente rispettate le “quote”: bianchi e negri, uomini e donne.La vicenda inizia con un gruppo di avventurieri che cercano di recuperare il relitto di una imponente astronave, la Andromeda Ascendant (dotata di intelligenza artificiale che si manifesta visrtualmente ma anche con un personaggio femminile in carne e ossa in qualità di andriode) appunto, della defunta Confederazione, bloccata ai margini di un buco nero.Non sanno che proprio per essere ai margini del buco nero, l’unico membro dell’equipaggio presente (gli altri erano stati evacuati mentre la loro astronave si avvicinava al buco nero) ha trascorso gli ultimi trecento anni come se fosse passato un solo secondo.Così, traendo l’astronave al di fuori dell’anomalia, anche il Capitano Dylan Hunt riprende a vivere secondo la scansione ordinaria del tempo.Inutile dire che gli avventurieri, capitanati da una donna, abile pilota, formeranno il nuovo equipaggio della Andromeda e cominceranno tutta una serie di avventure che hanno come finalità la ricostruzione della Confederazione, distrutta 300 anni prima da una sanguinosa guerra contro i Nietzscheani, umani “ogm” divenuti superuomini con l’ingegneria genetica.Al momento (metà della terza stagione) la Confederazione è risorta, dopo mille traversie, anche se è ben lungi dall’aver ripreso il posto che aveva trecento anni prima, ma nubi dense di pericoli si stanno avvicinando …L’idea è buona ed è anche resa in modo gradevole con un ritmo adatto allo spettacolo.Mi auguro che la quarta e quinta stagione non cadano nel misticismo, come è avvenuto per Babylon 5 , ottimo telefilm, che purtroppo si è perso nel finale con la forzatura di introdurre un “messaggio” per il pubblico che, invece, cerca solo di trascorrere un’ora piacevole in compagnia di storie fantastiche.Gli attori sono a me sconosciuti ma, forse anche grazie al doppiaggio che, tradizionalmente, in Italia è reso con grande abilità e professionalità, sembra siano all’altezza anche di ruoli più impegnativi.Posso sicuramente consigliarlo a chi, stanco delle varie trasmissioni su pacchi e pacchetti, o della forzata comicità dei Greggio e degli Iacchetti, vuole cenare guardandosi contemporaneamente un qualcosa di gradevole e che non viene compromesso nella sua comprensione se anche si perde qualche battuta o qualche puntata.

Continue reading

Il nuovo che avanza: Danilo Gruppi.

Invitato da Massimo ad una collaborazione anche al suo blog “Svulazen”, pur conoscendo poco Bologna, non posso fare a meno di ricordare che a metà Giugno nella Città Felsinea è stato eletto segretario della CGIL Danilo Gruppi, ex-militante di Potere Operaio, uno dei peggiori gruppi sinistri degli anni ’70, quello di Franco Piperno, Toni Negri, Oreste Scalzone, Lanfranco Pace.…

Continue reading

Gastone Del Piccolo e Andrea Mitolo, 30 anni fa…

30 luglio 1970: un’assemblea di fabbrica della Cisnal, il sindacato di Destra, si concluse con il sequestro di Gastone Del Piccolo e Andrea Mitolo, da parte di un gruppo di facinorosi dell’estrema sinistra sindacale e di Lotta continua.Gastone Del Piccolo di Trento, segretario provinciale dei metalmeccanici e Andrea Mitolo di Bolzano, consigliere regionale del MSI, dopo essere stati catturati, …

Continue reading

I 150 ANNI DELL’UNITA’ D’ITALIA? CELEBRIAMOLI, ECCOME, MA SENZA TACERE DI CIO’ CHE AVREBBE POTUTO ESSERE E NON E’ STATO.

“Unità d’Italia e coesione sociale non significano centralismo e burocratismo”, ha dichiarato il Capo dello Stato Napolitano domenica 6 giugno a Santena (Torino), in occasione del bicentenario della nascita del conte Camillo Benso di Cavour, il principale artefice di quell’Unità d’Italia di cui molti oggi si chiedono persino se sia il caso o meno di celebrarne il 150° anniversario, e quasi rispondendo a quanti tale domanda sembrano porsi con maggiore insistenza e, a volte, neppure troppo celati secondi fini politici.

Continue reading

Ricevo dal South Africa : "SALVIAMO I BOERI"

E’ iniziato il mondiale in Sudafrica,i violini suonano per Mandela,ma le cose non stanno come le raccontano i tg,il Sudafrica non è ”la nazione arcobaleno” l’armonia multiculturale che ci mettono ad esempio… Genocidio di europei in Sudafrica. E in Sudafrica, come giàaccadde in Zimbawe e in Namibia, orde di negri assaltano, stuprano ed assassinano i contadini bianchi… con l’unico risultato …

Continue reading

Piove governo (mondiale) ladro

Ovvero, come l’assurdo diventa possibile nel NWO.Pensate che se piove troppo e’ colpa del governo? Avete ragione: nel NWO puo’ accadere anche questo. La ricodifica in atto della cultura mondiale, non si limita a rimuovere le ormai obsolete figure di mamma e papa’ sostituite dei piu’ egualitari “genitore A” e “genitore B”.…

Continue reading

Hristos a înviat!

Hristos a înviat! Adevărat a înviat!

Buona Pasqua a Tutti (che quest’ anno coincide) !

Di Tudor Gheorghe:

PrimavaraDin somnul orb de noapte-ntunecoasăDe unde-au stat departe de frumosSe reîntorc livezile acasăÎn rochii înflorite până josE primăvară, iarăşi primăvară!Pe fiecare margini de făgaşÎşi scot strămoşii degetele – afară,De ghiocei, de crini, de toporaşi…

Se simte iarăşi mirosul câmpieiDin nou aruncă soarele pojarLa cântecul înalt al ciocârlieiIes roadele cu capetele-afar

Aruncă ziua peste tot cu vrăbiiÎn codri cucii iară-au năvălitSe bat cu gâtul păsările-n săbiiŞi glasurile-şi dau la ascuţit

Continue reading

Unioni, Democrazia, Liberta’…

Stati Uniti, Unione Sovietica, Unione Europea… nessuno dubiterebbe del fatto che queste denominazioni significhino che un certo numero di Stati sovrani, rinuncino spontaneamente a parti piu’ o meno ampie della propria sovranita’ per comporre un unico Stato. Uno Stato federale, probabilmente, ma non necessariamente; dato che una volta costituito, il Super-stato diviene piu’ potente di ogni …

Continue reading