Home » 2010 » settembre

Teresa Lewis e Sakineh

Il presidente iraniano Ahmadinejad ha accusato gli Stati Uniti (e il mondo occidentale) di ipocrisia per aver sollevato un putiferio sulla condanna di Sakineh (la donna condannata – forse alla lapidazione – per adulterio e complicità nell’ omicidio del marito) e tacere sulla condanna a morte, mediante iniezione letale che dovrebbe essere eseguita questa sera, di Teresa Lewis per l’omicidio del marito e di un figlio.…
Continue reading

La Turchia torna al passato

Il Genocidio Armeno : Tra il 1915 e il 1916 un milione e mezzo di armeni furono eliminati o lasciati morire di fame e stenti. Scrissi tanto tempo fa, questo articolo : La Turchia di Atatürk verso lo scontro tra…Continua a leggere
Continue reading

E. C. Tubb

Leggo solo ora che otto giorni fa è deceduto uno dei principali autori di fantascienza: Edwin Charles Tubb, nelle copertine dei libri, E. C. Tubb.Se scrivo: Spazio 1999, riesco già a far comprendere la dimensione di questo autore che, deceduto a quasi novantun anni, è stato uno dei più prolifici, con una bibliografia immensa.Spazio 1999 , il famoso telefilm anni settanta è, infatti un prodotto della fantasia di Tubb e fornisce già una idea della genialità di un autore che non aveva alcuna pretesa di “mandare messaggi“, ma scriveva storie sempre affascinanti e mai noiose.Se Spazio 1999 è sicuramente il successo certificato dalla televisione, è necessario ricordare almeno la saga di Dumarest come una opera nella quale troviamo tutto il Tubb e tutto quel che, almeno personalmente, amo trovare nella fantascienza.Avventura, spazio immenso e sconosciuto, nuovi mondi e varia umanità.La saga di Dumarest è composta da 33 romanzi e racconta delle vicende di questa persona, Dumarest, che scappato da piccolo, come clandestino, dalla Terra, adesso è spinto a tornarvi … ma non sa dove si trova, perchè nei suoi viaggi si è spinto talmente lontano che della Terra si è perso il ricordo …Molti romanzi sono stati pubblicati negli anni, ma solo da due anni una piccola e specializzata casa editrice di Bologna , la Elara , ha iniziato la pubblicazione organica dei romanzi, con successione cronologica, e l’idea di pubblicare l’intera saga in otto volumi, ognuno dei quali contenente quattro romanzi (l’ultimo cinque).Per ora sono usciti tre volumi e dovrebbe essere in stampa il quarto, cioè sono arrivati a metà saga.Il direttore editoriale, Ugo Malaguti, uno dei “monumenti” della fantascienza italiana, vorrebbe terminare la pubblicazione dell’intera saga prima del 21 dicembre 2012 così, mi ha detto, verremo a sapere se Dumarest torna sulla Terra, prima della annunciata fine del mondo …

Entra ne

Continue reading

OH CHE BRUTTO CASTELLO, MIRA-MIRA-MIRABELLO.

La querelle protrattasi ormai da parecchi mesi (per non dire anni), con snervanti alti e bassi, raggelamenti e riavvicinamenti, tra i due co-fondatori del Popolo delle Libertà, Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini – divisi da differenti vedute su stile e contenuti da dare a quell’azione politica che avrebbero invece dovuto portare avanti compattamente insieme, come da volontà degli elettori – sembra essere giunta ad un punto di svolta, dopo il discorso fiume pronunciato dal secondo, domenica 5 settembre, in quel di Mirabello, tradizionale luogo di raduno annuale di quella destra un tempo missina, dove, a questo punto penso si possa ben dire “in un’altra vita”, il Gianfranco nazionale venne indicato personalmente come proprio “delfino” dall’allora guru indiscusso di quel piccolo mondo ancora da “sdoganare” verso una piena partecipazione alla vita politica del Paese, Giorgio Almirante.Non che in tale occasione sia emerso qualcosa di clamoroso o che non si sapesse già da prima, ma tutto il castello di lapidarie esternazioni uscito domenica dalla bocca del co-fondatore del PDL non fa che confermare la sensazione (sgradevolissima per chi, nella benedizione di avere finalmente un partito unico del centro-destra idoneo a governare bene, in armonia e senza intoppi, nell’interesse generale del Paese, ci aveva creduto per davvero) che si stiano preparando invece, in ogni caso, tempi tanto difficili per la politica italiana quali non se ne ricordavano ormai da parecchio.Fini ha infatti ribadito ancora una volta la propria disponibilità a non far mancare la fiducia propria e dei suoi seguaci all’esecutivo in carica, probabilmente soprattutto onde cautelarsi in anticipo contro l’addossamento a lui della responsabilità, che si rende conto essere pesantissima, di eventuali crisi di governo, ma ha anche fatto presagire che il suo appoggio ai singoli provvedimenti governativi non sarà sempre scontato e andrà negoziato di volta in volta in un andazzo logorante oltre ogni misura, al quale l’unica alternativa sembrerebbero essere la fine della legislatura e le elezioni anticipate, con tutte le incognite e la situazione paradossale che tuttavia ciò comporterebbe.Chi sostiene il punto di vista del presidente della Camera nega ovviamente ogni responsabilità dello stesso nella grave crisi politica che si sta attraversando.…
Continue reading