Ma la Mogherini ci è o ci fa ?

E’ la domanda che mi sono posto spesso vedendola ripresa tutta sorridente prima a fianco di Renzi e quindi di Juncker (dimmi con chi vai e ti dirò chi sei …).
Avendola ascoltata nelle sue dichiarazioni, soprattutto con il Premier Netanhyau, si è risolto ogni dubbio: purtroppo ci è (quindi non si riposa mai).
Continue reading

Lapo Elkan su Renzi

Una cosa buona #LapoElkann finalmente l’ha detta. Alla domanda della #Gruber: “Cosa ne pensa di #Renzi?” Lui risponde: “Vorrebbe essere il #Macron italiano, ma ci sono i Macron e i #Micron”. Bravo Lapo, potresti entrare anche tu in questa #PoliticaSpazzatura italiana.

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare sia presso il circuito Ibs e IBS (formato tascabile), che presso AMAZON (Prime).…

Continue reading

Un passo alla volta

Mentre quelli che vogliono aprire le porte all’invasione degli immigrati ed alla sudditanza a Bruxelles marciavano a Como sotto bandiere rosse e al suono di canti e slogan del passato millennio con lo scopo di “democraticamente” impedire la Libertà di Opinione e di Parola a chi non la pensa come loro, persino la radio di stato lasciava trapelare da alcuni servizi che i comaschi, sugli immigrati, la pensano più come i Patrioti del Fronte Veneto Skinhead che come gli immigrazionisti delle ong.…
Continue reading

Precisino le "interferenze" di Putin

L’ultima fake news propinata per favorire Renzi e la sinistra, arriva da chi, per ben 8 anni, si è prestato a fare il sostituto di Obama per poi cedere il passo alla moglie di Clinton.
Joe Biden afferma che ci sarebbero state delle interferenze russe nel referendum del 4 dicembre 2016 che segnò la sconfitta del disegno egemonico di Renzi.…
Continue reading

Requiem per Johnny Hallyday con i tre Presidenti

Ogni tanto,  siamo costretti a tralasciare di parlare di  cose serie e perfino gravi, per  occuparci di  Soap Opera. E dato che ci spostiamo a Parigi, chiamiamola pure Soap Opéra (con l’accento sulla a). Già la Tour Eiffel in queste notti dal 6 dicembre in poi mostrava la sua scritta luminosa “Merci Johnny” (con l’accento sulla i) quale tributo alla star, dopo la sua scomparsa.  Aver visto i politici francesi ansiosi di tuffarsi nel “bagno di folla” non sua, stiparsi nelle cattedrali, fa scompisciare dalle risate.…
Continue reading

Ma io Repubblica la boicotto da sempre

Non ho alcuna difficoltà ad aderire al legittimo invito di Forza Nuova a boicottare Repubblica, proprietà De Benedetti, fondatore il socialista Eugenio Scalfari.
In realtà Repubblica la boicotto dalla sua fondazione nel 1976, non avendone mai comprata una copia e leggendo solo gli articoli che mi vengono inoltrati per ragioni di lavoro.…
Continue reading

La Gerusalemme liberata

Con un colpo d’ala il Presidente Trump spazza via vent’anni di ipocrisia levantina e riconosce Gerusalemme come capitale di Israele, dando ordine di spostarvi l’ambasciata degli Stati Uniti.
Naturalmente sono insorte le verginelle del politicamente corretto, quelle che preferiscono lisciare i palestinesi invece di ricordare i crimini di cui si sono macchiati negli anni con dirottamenti di aerei e navi, atti di puro terrorismo, omicidi e stragi come quelle di Fiumicino e di Monaco.
Continue reading

Non aprite quella porta !

La Verità, il quotidiano ignorato da radio e telegiornali di regime diretto da Maurizio Belpietro, ieri mattina riportava in p prima pagina una ipotesi agghiacciante.
Salvini vorrebbe veramente aprire la porta della diaspora degli elettori di Centro Destra rompendo con Berlusconi ?
Non credo.
E, infatti, mi sembra la classica bufala se sommata agli articoli de Il Giornale che continua a tirare la volata a Berlusconi e che cerca di mettere in cattiva luce Salvini e la Lega.
Continue reading

Fatti, non parole !

Dolenti scribacchini e mezzibusti ci raccontano giornalmente i “misfatti” di Donald Trump, Presidente degli Stati Uniti, tifando in modo sfegatato e senza alcun ritegno perchè le consorterie del potere riescano a destituirlo.
Si sprecano le ola quando un Congresso, nel quale si sono infiltrati tanti “alfaniani” tra i repubblicani che votano contro il Presidente, boccia il tentativo di abrogare la costosissima “riforma” sanitaria di Obama che ha fatto degli Stati Uniti l’ennesima nazione con l’invadenza del pubblico anche nella sanità.
Continue reading