Per sfangarla si arrampica anche sulle macerie

Non sarebbe la prima volta che un evento luttuoso favorisca personaggi che, alla prova del nove, si dimostrano peggiori dei loro predecessori e successori.
Mi torna in mente Scalfaro, che si contende con Napolitano il primato tra i peggiori presidenti della repubblica, eletto a tambur battente dopo l’omicidio di Falcone.
E oggi un Renzi che era progressivamente alle corde, improvvisamente rigenerato dal terremoto nel Centro Italia.

Continue reading »

Aggiornamenti brevi

Il mio pc s’e’ beccato un bel virus e quindi sarò costretta a formattarlo e ricominciare tutto daccapo. Anni di documenti, grafiche e fotografie svanite nel nulla in un secondo. Ho salvato qualcosa altrove in precedenza ma le cose recenti, purtroppo non ho fatto in tempo. Comunque, le scosse continuano, la più forte è stata ieri poco prima delle 18, 4.4 di intensità, ero a casa ma non l’ho sentita.…
Continue reading »

Tu quoque,Silvio ?

La dichiarazione buonista emessa da Berlusconi ( ma sarà proprio farina del suo sacco ?) rientra nel clima del “vogliamoci bene” che ha nell’inqualificabile “forza Renzi” di Sallusti sul Giornale il suo acuto più stonato , ma che prosegue anche con il non condivisibile editoriale di Cangini ne Il Resto del Carlino.

Continue reading »

Quei Bravi Ragazzi Cattolici…

Matrimoni tra invertiti: fatto.Legalizzazione droghe (???) leggere: in corso d’opera.Eutanasia: in costruzione.Moschee per tutti: prossimamente.Quei Bravi Ragazzi Cattolici…

PS: fusse che fusse che Fonzie abbia un cellulare, nell’ altra mano ?

Continue reading »

Case vere, subito

Ogni terremoto, ogni catastrofe porta immancabili costi e polemiche.Nei miei “primi” sessanta anni ricordo molti eventi luttuosi.Il più lontano nel tempo è Longarone, cittadina che ho frequentato ripetutamente negli anni novanta e nel primo decennio del duemila, dove facevamo base per le gare di sci aziendali.Una cittadina perfettamente ricostruita , ancora all’ombra della diga del Vajont (con l’invaso ovviamente asciutto) ed una istruttiva visita, camminando sull’erba e ammirando quella gigantesca opera dell’ingegneria ancora imponente ed intatta, perché l’onda non la distrusse, ma la scavalco’.

Continue reading »

La triste parabola montanelliana di Feltri

Ho già scritto che ho smesso di comprare Libero dopo il defenestramento di Belpietro e la scelta di Feltri per condurre il quotidiano sulla riva renziana del “sì” al referendum.
Ma Libero è nella rassegna stampa quotidiana che mi perviene al lavoro e mercoldì ho letto un titolo che l’imitatore dell’ex CT della Nazionale Antonio Conte, definirebbe “agghiacciante“.

Continue reading »

Scommettiamo che?…

Terremoto: rompo il silenzio” è il titolo di un post scritto da Paolo Barnard ieri, ma subito dopo rimosso dal suo sito. Ne ignoro il motivo. Forse il suo autore avrà avuto timore di apparire troppo cinico nei confronti di oltre 290 nostri connazionali che hanno perduto la vita e di bellissimi paesi cancellati, diventati di colpo pietraie e macerie.

Continue reading »

Forza Renzi ? MAI !

Lo temevo.
Il terremoto si sta rivelando una immane tragedia con la perdita di centinaia di vite umane, distruzioni e danni, ma anche perchè aiuta Renzi in un momento di grande difficoltà che avrebbe portato alla sua sconfitta al referendum e alla cacciata da palazzo Chigi.
E Renzi si conferma un gigantesco portatore di sfiga per il prossimo, ma fortunatissimo per se stesso e solo per se stesso .

Continue reading »

Solidarietà concreta ai nostri Connazionali

Ancora una volta un evento imprevisto e imprevedibile ci colpisce.
Ancora una volta noi Italiani possiamo mostrare una vera solidarietà verso i nostri stessi Connazionali partecipando alla raccolta di fondi che servirà per la ricostruzione e per alleviare le sofferenze di chi, oggi, è senza casa, ferito e in tanti con il dolore di aver perso un proprio caro.

Continue reading »

Per due volte…

Sembrava che non finisse mai. È stato facile capire cosa fossero prima gli scricchiolii delle tapparelle e poi il movimento del letto. La paura ti entra fin dentro le ossa e ti paralizza. Non ho contato i secondi ma non si fermava. Poi si è fermato. Sentivo sollevarsi le tapparelle dalle case del quartiere e poi la gente scendere in strada.…
Continue reading »